Posts Tagged ‘arpa celtica genova’

Intervista a Gemma Malerba – Arpista

Intervista a Gemma Malerba – Arpista

Cosa differenzia il tuo lavoro da quello di altri professionisti della musica per matrimoni?

Per esempio il mal di schiena perché devo trasportare 45 kg di strumento!….a parte gli scherzi credo che l’arpa abbia un fascino ed un’ elegnaza inimitabili. Ovunque suoni crea un’ atmosfera magica: per esempio, una volta, quando nn avevo ancora la patente, sono tornata da un concerto in treno con l’arpa celtica, che è più piccola; il controllore era molto incuriosito e mi ha chiesto di fargli sentire qualcosa; in men che non si dica le persone sono accorse stupefatte e il vagone grigio del treno si è riempito di allegria. In fondo Orfeo incantava belve feroci proprio con l’arpa, i passeggeri del treno sono poca cosa al confronto.

Perché hai deciso di dedicarti proprio all’arpa e non ad un altro strumento?

Mi ha sempre affascinata. In prima elementare ho iniziato a suonare il pianoforte e poi ho messo a perdere i miei genitori perché volevo passare all’arpa: alla fine li ho convinti per cui dalla prima media ho iniziato a destreggiarmi tra corde e pedali e non ho più smesso.

Qual’è il costo medio dei tuoi servizi?

Dipende dal tipo di servizio (per esempio cerimonia o intrattenimento musicale durante l’aperitivo o la cena) e dall’ arpa (celtica o classica) ma il costo è compreso tra i 150 e i 300 euro

Collabori con altri strumentisti?

Sì, in particolare con un violinista e una cantante

Come si può bilanciare il desiderio di buona musica con ristrettezze economiche?

Penso che il segreto sia puntare sull’originalità e cercare strumenti che anche da soli abbiano un buon repertorio e non necessitino di un accompagnamento: in questo modo è sufficiente chiamare un solo musicista e non un intero complesso

Si incontrano arpiste classiche che scelgono di suonare, parallelamente, anche l’arpa celtica, come nel tuo caso. Forse è il richiamo del mondo che essa rappresenta (e non parlo solo di musica, ma anche di tradizioni) a funzionare? Che cosa, secondo te, attrae così tanto?

L’ arpa più antica risale al 3000 a.C.. era uno strumento diffuso tra Sumeri, Egizi, Greci. Nel corso della Storia tutti i popoli Occidentali si sono avvicinati all’arpa e anche in Oriente e in Africa si trovano strumenti molto simili. Sono stati arpisti famosi Re Davide, Enrico VIII, Maria Antonietta. Ogni volta che mi accingo a studiare un nuovo pezzo è come se vedessi da uno spiraglio un pezzo della cultura in cui è stato scritto. Il repertorio nato per l’arpa classica è più legato alla Musica Romantica e Moderna Occidentale, quello che nasce tipicamente per arpa celtica è un po’ più vario, ma stiamo parlando solo di origine perché di fatto l’arpa classica ha molte più potenzialità di quella celtica e quello che si può suonare con quest’ultima si può certamente suonare anche sulla classica mentre non è sempre vero il contrario.

Il suono dell’arpa è riconducibile ad uno stile classico e rigoroso. E’ così o si può anche associare ad uno stile più moderno?

Assolutamente no: Esistono molti pezzi di autori contemporanei che sono pieni di effetti “anti-classici”, inoltre esistono pezzi jazz per arpa e, essendo l’arpa uno strumento con un’estensione paragonabile a qualla del pianoforte, è possibile suonare anche melodie di canzoni di musica leggera: in questo caso, ovviamente, non sempre il risultato corrisponde a quello atteso, dipende dalla canzone.

You might also like: